Deepmoji – Potranno le emoji aiutare le macchine a comprendere meglio?

Secondo i ricercatori del MIT, sì. E non potrebbe essere diversamente.

Le emoji, le iconcine che tutti noi utilizziamo quando scriviamo una qualche frase su un qualunque social network, convogliano un contenuto anch’esse. Questo contenuto può cambiare il senso della frase che precede l’icona che abbiamo pubblicato.

Ad esempio, se io scrivessi: “Il treno è in ritardo! Perfetto!!!”, la macchina potrebbe non comprendere il mio sarcasmo. Se invece, io inserissi, dopo la frase, una emoji arrabbiata, tutto avrebbe immediatamente più senso.

Per questa ragione, al MIT, si sono inventati Deepmoji, un progetto di analisi del sentimento basato su Deep Learning. Per dare vita a Deepmoji i ricercatori hanno raccolto 55 miliardi di post su Twitter, selezionando tra questi circa un miliardo e duecento milioni di tweet già corredati di due o più emoji tra le 64 più popolari. Dal campione ottenuto sono così uscite altrettante frasi già abbinate alle relative faccine, che dovrebbero fornire agli algoritmi del sistema un’idea sul contenuto emotivo dei messaggi.

È possibile anche usare Deepmoji: io l’ho provato e devo dire che ha indovinato molto spesso!

Please follow and like us:
No Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

News
Il futuro dell’AI passerà attraverso moli di dati più piccole?

Come tutti sappiamo, nel recente passato decine e decine di reti neurali sono state addestrate con montagne di dati. Tuttavia, come è noto ai più, queste reti presentano problemi quando devono focalizzarsi su casi limite. Essendo casi limite, infatti, hanno portato un contributo minore nell’addestramento delle stesse reti. Sono famosi, …

News
Spiegare l’ouput di una rete neurale? Ci pensa “Activation Atlases” di OpenAI

Riuscire a spiegare perché una rete neurale abbia dato una certa risposta anziché un’altra è uno dei principali problemi di questo genere d’approccio. Finché si tratta di identificare gattini all’interno di fotografie, potrebbe non essere un problema, ma pensate se si trattasse di diagnosticare un tumore oppure di erogare un …

News
UNICT – Machine learning: parte un nuovo corso di studio

Ha preso il via in questi giorni, al dipartimento di Matematica e Informatica dell’Università di Catania, la seconda edizione del corso di studio in Machine Learning tenuto dal prof. Giovanni Maria Farinella e incentrato sulle tecnologie di Deep Learning, oggi considerate alla base dell’Intelligenza Artificiale. Il corso, offerto agli studenti dell’Ateneo, …

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial