Manutenzione predittiva: un caso applicativo del MIT

News

Un nuovo sistema messo a punto dai ricercatori del MIT rende possibile monitorare i dispositivi elettrici all’interno di edifici, navi o impianti produttivi in modo tale da osservarne il funzionamento e prevederne l’eventuale prossima rottura.

Nella fase di test su una nave della Guardia Costiera, infatti, è stata prontamente evidenziata una anomalia ad un motore che avrebbe portato ad un serio incendio a bordo.

I sensori, dopo essere installati forniscono tramite una dashboard interattiva, lo stato dei dispositivi rendendo il monitoraggio semplice e rapido. La cosa interessante, inoltre, è che l’installazione dei sensori è completamente non invasiva, essendo attaccati all’esterno di cavi elettrici: tale installazione permette comunque di rilevare movimenti di corrente, sbalzi di tensione, accensioni e spegnimenti. Non solo, rilevando anche il consumo energetico, è possibile pensare che, prossimamente, vengano utilizzati per suggerire eventuali miglioramenti .

La Dashboard che ha permesso l’individuazione dell’anomalia sull’imbarcazione della Guardia Costiera

Nel caso dell’imbarcazione della Guardia Costiera, sono stati monitorati 20 motori con due sensori. Nel corso della sperimentazione è stato rilevato un esagerato assorbimento di potenza da un particolare componente di un motore.

Tale allarme fu inizialmente non creduto da parte dell’equipaggio, essendo quel particolare componente installato all’interno di un involucro metallico protettivo. Tuttavia, non appena fu rimosso il coperchio, il danno fu reso evidente dal fumo e da una profonda corrosione.

Il pezzo sano (sulla sinistra) e quello danneggiato (sulla destra)

Secondo il colonnello Nicholas Galanti, ingegnere capo dell’imbarcazione, questo allarme preventivo ha permesso una riparazione più semplice ed evitato un complesso incendio (coi conseguenti danni) alla zona motori.

Please follow and like us:
No Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

News
Il futuro dell’AI passerà attraverso moli di dati più piccole?

Come tutti sappiamo, nel recente passato decine e decine di reti neurali sono state addestrate con montagne di dati. Tuttavia, come è noto ai più, queste reti presentano problemi quando devono focalizzarsi su casi limite. Essendo casi limite, infatti, hanno portato un contributo minore nell’addestramento delle stesse reti. Sono famosi, …

News
Spiegare l’ouput di una rete neurale? Ci pensa “Activation Atlases” di OpenAI

Riuscire a spiegare perché una rete neurale abbia dato una certa risposta anziché un’altra è uno dei principali problemi di questo genere d’approccio. Finché si tratta di identificare gattini all’interno di fotografie, potrebbe non essere un problema, ma pensate se si trattasse di diagnosticare un tumore oppure di erogare un …

News
UNICT – Machine learning: parte un nuovo corso di studio

Ha preso il via in questi giorni, al dipartimento di Matematica e Informatica dell’Università di Catania, la seconda edizione del corso di studio in Machine Learning tenuto dal prof. Giovanni Maria Farinella e incentrato sulle tecnologie di Deep Learning, oggi considerate alla base dell’Intelligenza Artificiale. Il corso, offerto agli studenti dell’Ateneo, …

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial