Uberland: quando il boss diventa un algoritmo

News

Lo sviluppo tecnologico sempre più spinto ha tanti aspetti positivi, ma, in alcuni casi, presenta anche dei lati oscuri. Quello trattato da Alex Rosemblat, nel suo libro “Uberland: How Algorithms Are Rewriting the Rules of Work” – che verrà rilasciato a Ottobre 2019 – è uno di questi.

Leggendo infatti un estratto, pubblicato sull’articolo “When Your Boss Is An Algorithm” è possibile accorgersi di quanto l’eccessiva delega del potere decisionale alle macchine possa essere dannoso per l’uomo.

Nel caso di specie, si parla di Uber e della sua gestione degli autisti. Lungi da me criticare Uber: trovo solamente giusto indagare per capire quale sia il costo di questa comodità e a carico di sia.

L’autrice porta diversi esempi di “management algoritmico” di Uber. Ne riporto alcuni:

  • una autista afro-americana racconta di essere stata chiamata durante un servizio “tonta” e “stupida”, con un epiteto razziale, dal passeggero. Per questa ragione decise di interrompere la corsa e di contattare il supporto di Uber. Ciò che ottenne fu una risposta “robotica”: “Siamo spiacenti, grazie per averci contattato”. Il supporto si offrì di impostare il sistema affinché quel passeggero non fosse più assegnato a lei. “Ciò significa che la prossima volta quella persona si comporterà in modo uguale e l’autista verrà disattivato”. Benvenuti in America.
  • gli autisti spesso ricevono notifiche del tipo “le tariffe sono x 3 in questo momento!” oppure “a New Orleans, questo weekend, ci saranno un sacco di eventi e, quindi, ci attendiamo una altissima domanda!”. Questi messaggi, innalzano le aspettative e invitano gli autisti a fiondarsi per cercare di prenderla. Tuttavia spesso capita che vengano disattese le aspettative ed essendo state promosse come tali (e non come ordini), nessuno può lamentare di sottostare ad un rapporto di dipendenza
  • nel 2016 Uber ha iniziato a far pagare i passeggeri più di quanto venissero poi effettivamente pagati gli autisti. Tale policy è stata denominata “upfront pricing”. Secondo le logiche della Silicon Valley, Uber stava semplicemente testando una nuova politica di prezzi, ma è chiaro che molti autisti se la sono presa, sentendo che le proprie vite fossero parte di un esperimento.
  • un punteggio inferiore a 4.6 stelle su 5 può significare, per l’autista, di essere “disattivato” (mai “licenziato”). Ciò porta gli autisti a tollerare alcuni comportamenti piuttosto che rischiare di perdere il lavoro (un po’ come succede, ad esempio, “grazie” ad altre piattaforme come Tripadvisor)

Insomma, le macchine sono sempre più al centro della nostra vita, anche lavorativa. Se l’uomo deciderà di delegare sempre di più, fino a completamente abdicare a favore degli algoritmi, forse lì inizieranno davvero i problemi.

È necessario che l’uomo detenga il controllo sempre.
È necessario che l’uomo venga sempre prima della macchina.
È necessario che la tecnologia sia un mezzo e non un fine.

Please follow and like us:
No Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

News
PathAI: 60 milioni di euro per identificare le malattie gravi

La startup statunitense PathAI ha sviluppato una piattaforma basata su intelligenza artificiale il cui obiettivo è la diagnosi e la classificazione delle malattie gravi. Poco fa hanno chiuso un round (series b) di investimento grazie al supporto dei fondi di venture capital General Atlantic, General Catalyst e altri. Negli ultimi …

News
Intelligenza Artificiale al servizio dell’agricoltura

TensorFlow, la libreria open source di Google Brain per la creazione di applicazioni basate su intelligenze artificiali, è stata utilizzata dai ricercatori del laboratorio PlantVillage dell’Università Penn State e dall’Istituto Internazionale dell’Agricoltura Tropicale (IITA) per permettere agli agricoltori africani di diagnosticare celermente malattie sulle piantagioni di manioca, dando loro così …

News
Google scioglie il suo panel sull’etica dell’intelligenza artificiale

Dopo solo 10 giorni dall’annuncio della sua formazione, Google ha da poco comunicato che l’ATEAC, il panel composto da 8 esperti di intelligenza artificiale, è appena stato sciolto. La ragione pare sia legata ad una protesta avanzata dai dipendenti dell’azienda relativa ad uno degli otto componenti, Kay Coles James. Tale …

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial